L’amore questo qui

 

È quasi l’alba.
Il mio sonno è sempre tanto breve e l’ascolto, verso l’interpretazione di ogni rumore, si fa preghiera, e penso alle scarpine, una tutina azzurra, il musetto nostro, non mi contengo dentro una vita così piccola mi dico.
Sono una che si commuove troppo, dentro mi ricopre una velina stropicciata sul filo della rottura. Già immagino la luce, ogni passo liscio senza sbavature, perché l’amore vostro è questo, un viaggio lungomare senza peso, quello del bagaglio troppo pieno.
E io che piangerò ogni volta, più di adesso, fino al giorno del suo primo passo o la parola, ché sono scema a dire Ma lo hai già visto per tre volte, invece non avevo capito niente guarda, non vedo ancora bene dagli occhi bruciati, i ricordi alle pareti interne stanno su di una scommessa; quindi capisco solo adesso che tu sei specchio, l’immagine riflessa di un ideale che ce l’ha fatta, di tutti gli anni miei schiacciati addosso mentre già vedo oltre nei giorni nostri, quei piccoli guerrieri uscire allo scoperto senza protezione e noi a mani nude per difenderne la vita fino in fondo.
Resteranno fotografie ti dico, mi credi? Miniature di parole dettate piano attorno un cerchio grande che non si sbecca.
Ed io, magari, cercherò di aggiustare ogni volta il mio, la strada rotta, l’errore, senza lo storno del recupero, per cercare di essere anche solo un po’ di più, di questa ingombrante trasparenza.
.
Un compleanno speciale questo.
.
Auguri sorellina ♥️

Rispondi