Sbordare/i contorni/la cima/

 

Sbordare, come l’orlo, la cima.
Rimani a terra guardando il vento sfiorare le foglie cadute, quelle spezzate questo spazio stretto in cui sembrano toccarsi, i rami, il silenzio, lo spazio verde così denso e le buche, sull’asfalto di fianco, la strada in salita, il niente, qualche casa poi ancora in salita.
La curva verso un luogo che non riconosci mai, un luogo chiuso, un luogo riadattato, un posto mica scelto. Un pezzo di tempo immobile ti sembra, qualcosa a cui stai cambiando nome, intanto, dentro ai filtri a contrasto della stessa fotografia.

.

[Frammenti]

 

Rispondi