Attese

attese

 

Si condensa l’aria chiusa, la vedi scivolare dai vetri, insieme ai resti di un giorno.

Ci sono attese che durano ore, altre giorni, alcune tutta la vita.

Tutti siamo in attesa, del momento giusto, dell’amore vero, dell’uomo o la donna dei sogni, della felicità, di un lavoro, di avere tempo…

Tutte le volte che ho atteso, ho perso. L’occasione, l’amore, la felicità, il lavoro, il tempo…

Oggi che Sono, oggi che Voglio, oggi che Vivo, non ho tempo di attendere. Io sono quella che intanto s’incammina, intanto va verso, intanto ci crede, intanto vede, perché per il dopo c’è tutto un altro tempo, fatto di anni che avranno un peso in più.

Nel frattempo, intreccio i minuti, tra i giorni, fra gli anni che indicano una strada, la mia, quella che ho riconosciuto dalla linea gialla, tratteggiata ogni cinquecento metri, quando incontra una spiaggia.

Lascio una sedia vuota, ho imparato un silenzio.

Lo lascio stretto nelle cose, come l’acqua in una bottiglia, come il lago verso sera, senza vento.

(Paragrafi)

Rispondi