In Edicola e ordinabile on-line

Secondo la Legge sul diritto d’autore, 22/04/1941 n° 633, G.U. 16/07/1941, i contenuti presenti su questo blog www.lascrittoressa.it dei quali io, Silvia Gelosi, sono la proprietaria non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti in qualsiasi modo o forma a meno che non autorizzati espressamente da me, oppure condivisi tramite i pulsanti di condivisione.
Copyright ©LaScrittoressa by Silvia Gelosi. All rights reserved.

img-20160830-wa0004

Ordinabile qui:
amazon AMAZON »  |  youcanprint YOUCANPRINT »

DISPONIBILE ANCHE LA VERSIONE E-BOOK:
amazon AMAZON: Formato Kindle »  |  youcanprint YOUCANPRINT: Versione E-Pub »


” LE CHIAMANO POESIE, IN REALTA’ NON SI SOMIGLIANO AFFATTO, HANNO SOLTANTO LO STESSO SANGUE “.

[ copertina realizzata da Andrea Lerario @ilcontenudo – prefazione di Gianluca Sinopoli – postfazione di Beppe Malizia & i ritagli acustici – lavoro digitale e il dono di un suo pezzo qui di Danilo Cristian Runfolo ]
Foto di Amerigo Braccia ad Elisa Gelosi per la realizzazione della copertina.


Se si acquista la copia cartacea inviare una mail a: info@beppemaliziaeiritagliacustici.it fornendo i dettagli dell’acquisto e verrà spedito a casa l’album “L’amore non Esiste”. (Fino ad esaurimento scorte).

La prima neve

e c’è la prima neve, un cielo che dice la verità, novembre dovrebbe essere così mi dico.
Il freddo adesso è pulito, la pioggia scura della notte ha lavato via il sangue dopo il morso, non può essere perdono, è soltanto un po’ più chiaro.
Mi aderiscono allo stomaco oggi le parole, si fanno centro, si fanno snodo, una sedizione continua e numerata.
Resto distorsione per questo posto, la macchia scura che ricorda il peccato originale.
.

La sera, adesso

Ottobre è così, ha una misura precisa del rosso.
Separo il vetro, una resina ricopre la memoria, mi riconosco intera adesso, la vena mostra il taglio, la rottura.
Disimparo ogni giorno il giro, la clessidra è vuota e devo contare settantamila passi svelti per restare in equilibrio, è un ricucirsi lento, quella pelle bianca che ha smesso di sanguinare.
.
[Appunti del non viaggio]

Marina

 

Il rimbalzo delle cose ormai mi ruota attorno.
Esco dal buio per riportarmi a casa e le parole, quelle sono la riconquista, mi abita adesso una voce sola, densa.
So che la distanza giusta è questa, l’eco delle mie ossessioni non ritorna, qui mi specchio senza il rovescio dello scarto; lascia stare mi dici e come un sasso, quando affonda, le guardo sprofondare.
La sopravvivenza è una palude, e tu mi insegni il passo, il piede giusto e attento, l’eleganza di proseguire sopra tutti questi cocci.
.

Mezzo ottobre

Sempre qualche passo indietro; dieci perduti, camminati senza trattenerli. Settanta dentro una distanza, dall’acqua mi ripeto, dalla direzione giusta.
La misura è lo spazio che mi separa, questo il punto fino ad est, fino a quella luce, oltre la linea della terra.
Allora qui ritaglio un pezzo bianco, un vetro di finestra; l’aria è fredda, mi arriva in faccia l’autunno stanco e tutto insieme quel margine d’errore.
.
[Frammenti]