Dalet 2 (secondo ciclo, scrittura ebraica)

 

Dalet 2 (un anno dopo)

.

Pure il silenzio adesso si è alterato. Non è più ottobre

e la schiena è sempre dolorante. Di tutta la curvatura

quella della montagna è l’unica a rimanere intatta,

controluce finge un’estate che non sa. Tutto si restringe

in fondo, quali parole posso cambiare alla fine?

Di diverso c’è soltanto una consapevolezza dell’odio,

mascherato e rifinito di scuse buone, di passi lontani,

sguardi sbiechi di disapprovazione. Imparo senza esempio adesso,

i possibili salti verso un giorno ipotetico del giudizio universale

la fine della voce, una reazione di speranza che schiarisce

una tavolozza scura, senza crederci forse nemmeno io.

.

#alfabetoebraico2 2022

.

Ghimel 2 (un anno dopo, secondo ciclo di scrittura ebraica)

 

Ghimel 2 (un anno dopo)

La strozzatura della parola resta segno nero sulla porta.
Vorrei consegnare al mondo la verità vera, soltanto
perché capiscano un’altra volta ancora. Ma perché?
In fin dei conti, mi dico, l’umiliazione collettiva è una provincialità
della provenienza, e adesso, io non ho più la mia, troppo lontana
dalla prima, non appartenuta mai davvero, questa. Allora rammendo
lo strappo vecchio, un laccio emostatico annodato bene
e poi, guarda, il secondo vestito che bianco non avrebbe
dovuto essere, adesso è seta sparpagliata, aggiustata
alla meno peggio. Una foto sull’album squadernato, riciclato,
la verità caduta come sasso e questo essere in rivolta perenne,
vedi che è solo e soltanto pura ostilità per la resa.

#alfabetoebraico2

Bet (2)

 

#alfabetoebraico2 2022

Bet
.
Non torno perché non sono mai partita.
La conca scavata è diventata piena –
butta fuori immagini strozzate adesso –
più che altro di indifferenze e fotografie.
Non posso adattarmi ad una curvatura
non mia, non mi calza, non mi segue.
Tutte le cose perdute sono chiuse
in un cofanetto giallo, dal nome sbagliato,
io che continuo a scomparire dietro ai vetri
senza che nulla accada per davvero.
Un ristretto vivere quando non ce n’è
di più, non c’è nemmeno un plurale vero,
soltanto una seconda persona singolare
e un silenzio addosso sempre più grande
ogni giorno più grande.
.
#alfabetoebraico 2
.

Alef – secondo ciclo – scrittura ebraica

 

Sono passati anni, questo silenzio è un’aggravante, il respiro si torce e non arriva
alla fine. Trattengo tutto, soprattutto ciò che fa male. È muro di cemento armato
ti dico, perché da sola, la calce rompe, è il ferro che tiene che flette che piega,
poi torna, quasi in piedi, quasi mai. Il sacrificio tenuto dentro non è sacralità
è impegno discordante, la parola inutile – non ascoltata, non considerata adeguata,
troppa – non c’è ritorno uguale per me, quindi. Soltanto una continuazione zoppa,
rovinata, fessurizzata dal sale quando spacca – mi corrode la terra sotto ai piedi –
Il perdono, non posso declinarlo, non posso coniugarlo, è un cielo allargato male
un foglio bianco riscritto a metà. Sorridi, con i polmoni chiusi e i piedi dritti.
.
#alfabetoebraico2
.