Dicembre

Ma guarda come confina adesso dicembre, con questa luce pulita, con l’aria che sa – di neve – e di tutte le cose cadute.
Non lo senti il rumore dei cocci sul fondo? Un inciampo, la notte, tutto questo calpestare le rovine, un male alla gambe inutile per qualcosa che non si aggiusterà più.

Rispondi