Mentre la pioggia

Avrei avuto i capelli lunghi e ad ogni bacio li avresti spostati dietro l’orecchio sinistro, mi avresti tenuto le mani per dirmi di non aver paura, lì dentro sarei diventata piccola piccola per essere raccolta. Avrei corso sulla riva del mare anche con la pioggia, avresti corso per raggiungermi per farmi ballare mentre la gente ci avrebbe guardato ridere ancora, saremmo stati invincibili instancabili incredibili, avremmo continuato a vivere così, guardandoci negli occhi senza cadere, bevendo dalla stessa bottiglia la birra sul divano. Mi avresti fatto accendere la sigaretta dal tuo accendino guardandomi negli occhi e io avrei sorriso ai tuoi tutte le volte; mi avresti accompagnato in questa metà della vita in cui le scelte sono difficili, saremmo stati quelli che non si fanno promesse ma che fanno del tutto per non deludersi mai.
Invece il peso di tutti i sì ha curvato le spalle, c’è soltanto un ritrovarsi nei luoghi vecchi, quelli in cui in silenzio torni ogni tanto per non sentire oggi tutto il male alle ossa.

©LaScrittoressa

www.lascrittoressa.it

(Ph @kurturtava on twitter)

Paragrafi

Rispondi