Ritrovarsi – Oltre – Quell’attimo

claudio paolinelli foto - la descrizione di un attimo

 

Guardare l’aria muovere fuori una luce bagnata e pensare al ritrovarsi.

Un po’ come scoprirsi, un riconoscersi senza vista alcuna,

toccare quella pelle dall’odore cieco, quando nel buio torna,

e lo senti

senza occhi, senza averlo guardato mai.

Ti vedi, ascolti ogni rumore che scompare.

Non distogli lo sguardo perché forse può sparire.

Sorridi nel silenzio che una timidezza bambina può lasciarsi arrossire e corri.

Corri incontro a tutto ciò che nella tua immaginazione era diverso, era speciale, era notte, era quello che volevi, che pensavi non avresti mai trovato e benché oltre ogni fotografia lasciava intuire, l’odore è lo stesso e se la pelle lo sente, puoi solo proseguire o andare.

Vai sopra i vetri pestando sassi, un equilibrio, una prova, mentre tutto si scioglie alle tue spalle restando soltanto sale.

 

(paragrafi sparsi)

 

(in foto Elisa Gelosi)

(Foto di Claudio Paolinelli:  “La descrizione di un attimo”)

Rispondi