Auguri ♥️

 

È stato un anno lunghissimo questo, dalla metà in poi è durato il doppio. Quest’anno ho trovato una mia cifra nella scrittura, ho ritrovato delle amiche, ho perso qualcuno, ho dormito per metà di quello che avrei dovuto, ho letto molti più libri, stupendi.
Ho conosciuto delle persone meravigliose, ho trovato un sogno nella narrativa, ho pianto tutte le lacrime degli ultimi tre anni, ho avuto la fortuna di avere vicino amiche che mi hanno ascoltata nonostante ripetessi sempre le stesse cose.
Ho rifatto la comunione dopo vent’anni.
Ho scoperto che le belle persone se ne stanno sempre in disparte e fai fatica a notarle ma ne ho trovata qualcuna e questo mi ha reso felice. Ho anche capito che, chi sembrava perfetto, in realtà è un arrivista sociale pronto a spararti addosso giudizi nel momento in cui giri le spalle.
Ho avuto paura di non farcela, ho tenuto i pugni chiusi e i denti stretti per riuscirci sempre perché ho la testa dura e non mi arrendo finché respiro.
Ho visto il matrimonio più bello, ho visto gli occhi di chi avrebbe potuto non guardare più, meravigliarsi per la bellezza di due vite intrecciate così.
Ho visto la bellezza indescrivibile di tantissime fotografie, ho dimenticato scatti che dovrò riprendermi e mettere sulla carta.
Ho ancora bisogno di un tatuaggio che non so quando riuscirò a fare, ho fatto tornare i miei capelli alle origini, ho continuato a mangiare schifezze.
Ho cercato di fare tutto da sola, ho cercato di non impazzire, ho trovato chi mi ha detto che ho ragione sul serio, ho trovato quello bravo ma per lavorarci su è ancora presto.
Ho cercato di essere una brava madre nonostante mi sembra sempre di non riuscirci, ho cercato di essere una buona amica e chissà se lo sarò mai.
Ho cercato di nascondere le delusioni dentro agli impasti, ho impastato tutti i giorni.
Ho cercato di accettare il fatto di non essere mai stata accettata ma questo sarà un proposito per l’anno prossimo che avrà un giorno in più per poterci riuscire.
Ho parlato troppo, ogni volta. Ho detto grazie ma non credo mai abbastanza. Ho capito che dovrei smetterla di dire sempre di sì.
Ho sognato e immaginato come sarebbe stato se fossero andate diversamente alcune cose.
Ho comprato dei libri che mi porto sempre dietro, ho abbracciato alcune delle persone che amo e nel ricordarlo respiro meglio.
Ho ceduto alla depressione ma la piazzo nelle righe per non farle fare danni, ho promesso a me stessa che dovrò andare di più al mare, ho capito che le decisioni devo prenderle io e non farle prendere agli altri ché poi non mi andranno mai bene.
Ho capito che il rancore ti consuma, ho capito che non serve, ho capito che però non ce l’ho ancora fatta quindi ci riproverò ancora.
Per tutto il resto ci sarà il giro che fanno le cose, quello che ti ritorna in base a ciò che fai, dicono.
Nell’attesa, un ottimo vino è sempre una cosa giusta.
.
[Più di tutto, innamoriamoci. Questo solo potrebbe metterci in salvo da noi stessi, penso io.]
.
.
Auguri

e che sia un anno migliore
.

Marmellata di albicocche

 

Mentre la marmellata cuoce lenta, l’odore delle albicocche rende l’estate meno amara tra un temporale e l’altro. Mi tornano alla mente immagini di tanti anni fa, quando il caldo sembrava sempre diverso e io andavo in giro per lavoro, e c’era un luogo che non ricordo bene quale fosse ma che aveva un viale poco affollato, dove ognuno camminava svelto per andare o tornare nel punto in cui era partito con la stessa fretta probabilmente, tra i ciottoli grigi un po’ malmessi. Quasi tutte le vie laterali sbucavano senza nome, le seguivo per vedere il paese nelle sue ossa, le crepe, le porte, le case.
Un anziano signore in giacca, vestito bene e con tutti gli anni sulle spalle curve, attendeva i pochi passanti, increspando un sorriso in quei segni che rimangono sulla pelle, quei segni che la vita ti tatua addosso, quel detto in cui ciò che non ti uccide ti rende più forte, quando invece ti squarta, ti apre senza il resto, senza lasciarti nessun filo adatto per richiuderti e tu rimani lì, così esposto agli sguardi di tutti; accanto a lui due casse d’arance, una bilancia tarata male e il marciapiede sbeccato, morso dagli anni.
Mi saluta nel suo dialetto alzando un poco il cappello, ricambio con un sorriso e alzo la mano per salutarlo. Passo e mi viene da pensare chissà se è solo oppure ha qualcuno che lo aspetta, se ha una casa in ordine oppure vive tra le mura vecchie, consumate dalla salsedine che il portone gonfiato dal tempo non chiude più. Mi giro e torno da lui, compro due chili di arance. Mi dà il resto e la mano gli trema un po’; negli occhi vedo ancora la sua quotidiana resa verso ciò che gli è rimasto, essere ancora lì, forse privato di quello per cui è sopravvissuto tornando a casa ma onorando la promessa di non lasciarsi andare.
Riprendo a camminare e nel frattempo penso a mio nonno, la stessa tenacia che fa annullare ogni torto subìto, la stessa forza di chi, dopo la guerra, non ha più paura di vedere il male perché peggio della Russia è difficile, tornano indietro le immagini vecchie di me e lui, la sdraio di plastica arancione, il suo riposo la sera, i suoi calzoni marroni, gli occhiali quadrati, il suo silenzio pieno, il suo gatto bianco e nero, il suo cardigan scuro, la sua vespa chiara, il suo camminare lento, lui che c’era sempre a casa fino a quando la voce gli è andata via, fin quando ha aspettato quel giorno per l’ultima foto e poi basta. La vita l’aveva riempita, il contenitore era a posto e mentre tutti i suoi oggetti rimanevano lì, io cercavo di non lasciarlo andare via.
Lo rivedo ancora. Non ho dimenticato neanche il suo timbro di voce, gli direi che sono sempre la stessa, quella che ha bisogno di un gesto, il suo, che continuo a mangiare schifezze e mai agli orari giusti, che non ho ancora imparato a farmi piacere la frutta.
L’avremmo raccolta insieme però, la frutta, gli avrei fatto vedere le mie marmellate, mi avrebbe sorriso, lo avrei abbracciato perché da quando sono cresciuta avevo smesso di farlo.
Preparo i vasetti senza etichette adesso. Dopo settantacinque minuti ha finito di cuocere. Li metto in fila senza un ordine preciso. Fuori continua a piovere e le urla dei bambini mi rimangono tutte addosso nell’eco della casa.
.
.
[Paragrafi]
.
.
©LaScrittoressa
.

[nella foto, mio nonno, oggi sarebbe stato il suo compleanno]

“Crepe”

https://youtu.be/ZJJOJuSuJYY

 

“siamo la punta che salta sul disco”
.

 

[e vedi, anche io lo sono che invece di radici ho bisogno, io che adesso mi sento di nessuno da una parte e dall’altra. Da quella che non abito più oggi, cambiata, fuori e dentro la casa. Poi qui, dal nuovo che non è vero, non mi somiglia più, le crepe dentro e fuori a rigare ogni disco, ogni musica scelta rimasta in silenzio.
Siamo tutti in bilico, ti dico io. Ognuno sul ciglio, sul suo burrone con vista, a braccia aperte o a pugni chiusi, ognuno con le sue scarpe migliori. Io, invece, sono quella a piedi nudi che soffre di vertigini adesso, gli occhi fissi all’orizzonte senza nessuna voglia di saltare.]
.
Spiegarglielo tu Max che l’amore è eternità ♥️
.
Grande Max🎸🎶
.
.

.

*singolo di Massimiliano Sbaffoni

( SBAFFO È fuori ovunque)